Siamo consapevoli del fatto che le piccole/medie aziende costituiscono lo scheletro di ogni economia sana, il punto di partenza obbligato per la ripresa ed il risanamento.

Questo progetto mira a sostenere le piccole aziende e a permettere l'avviamento di nuove imprese in diversi modi:

  • mercato: favorendo la distribuzione di prodotti di qualità, locali, biologici, ecologici, etici, attraverso i Gruppi d’Acquisto Solidale fornendo loro gli strumenti per facilitarne la gestione, la comunicazione e la diffusione.
  • visibilità: offrendo alle aziende una vetrina molto dettagliata e ben visibile sui motori di ricerca, in cui i produttori possono mettere in risalto le loro peculiarità e dei canali di comunicazione attraverso i quali possono presentarsi ai GAS.
  • promozione: mediante la formazione di gruppi sui Social Network in cui aziende e clienti possono incontrarsi con reciproco vantaggio.
  • know-how: attraverso la raccolta e diffusione di documenti che mettono in luce sistemi produttivi innovativi, più rispettosi della qualità del prodotto e dell'ambiente.

 



Commenti dei gasisti

1Monica Torsello

03-02-2016, 15:14:11

buongiorno mi presento sono monica che insieme a mio marito Giuseppe della nostra azienda.
produciamo olio extravergine certificato Bio.
Da tanti anni ci impegniamo a fare meglio , siamo in Biologico, da tanti anni produciamo Bio e forniamo le analisi mutiresiduale ai nostri clienti.
Da quest'anno anche la tanto sudata certificazione Icea( in termini di costi ....non proprio economica) e mi aspettavo che tra i documenti richiesti per legge ci volesse la multiresiduale. cosa invece che fanno loro a campione.
Questo cosa significa? che il Biologico è BIOLOGICO?
non lo sapremo mai. io continuo ad essere onesto e ad esporre le analisi chimiche fatte in un centro accreditato ed esporle in azienda- lo scorso anno i biofenoli presenti erano 586- e nonostante questo è difficile sbarcare il lunario, manternere gli operai, lavorare la terra.
Si perchè chi lavora la terra , facendolo per bene, e producendo un prodotto buono e sano, deve essere in grado di vendere quel prodotto ad un prezzo dignitoso.
non per forza piegarsi alla legge del mercato dove il prezzo lo fanno le multinazioniale che vendono o spacciano per olio italiano, senza che lo sia, che vendono olio extravergine ...senza che sia nemmeno vergine! ora detto cio, mi farebbe piacere andare avanti con la mia faccia, si perchè al prodotto di noi piccoli produttori , ci mettiamo la faccia, e se ci sono dei progetti da sostenere o nei quali essere coinvolti, benvenga, io sono a qua.
questa la mia storia.

Il Sito Aziendale è www.agrosi.it il mio contatto 348/9285238 ( Giuseppe) oppure 3288912212 (Monica)
Cordiali Saluti
Monica

1Lorenzo Galli

04-04-2016, 10:18:00

Esatto, anche io sono un piccolo produttore di Olio Extravergine di Oliva Biologico pugliese. La sfida è convincere l'intera popolazione che l'olio di oliva non è piatto come i supermercati vogliono far credere. L'olio deve essere ogni anno diverso, perchè è la natura che lo fa, ed il sole, le piogge, i venti, ogni anno sono diversi. L'olio deve essere pungente, amaro e vellutato. Invece nei supermercati vi è solo olio deodorato: olio di sansa o peggio di semi da cui tolgono tutto e resta solo il grasso senza più i polifenoli....ossia il cuore dell'olio. I brand che spacciano olio extravergine italiano (toscano...quando il 50% dell'olio italiano è pugliese...la toscana non arriva al 5%) quando invece è solo olio lampante spagnolo o del maghreb, o peggio olio di semi edulcorato...Noi cerchiamo di sbarcare il lunario; andare in pari fra spese e venduto è una gran fatica. I consumatori prendono olii di scarsissima qualità che oltre non essere extravergine non è nemmeno di oliva a volte. Gli unici che guadagnano sono sempre gli stessi. L'informazione manca: bisogna far sapere a tutti cosa è l'olio extravergine, il suo sapore che deve far tossire di gioia e di esaltazione di sapori. Un olio piatto non è olio italiano. Questa è la storia di noi piccoli produttori e in linea generale di noi che non sappiamo più quali sono i sapori genuini, le note floreali, il sapore di oliva... Il mio contatto 3271634637 (Lorenzo)

1Nourelhouda Yahyaoui

20-07-2016, 12:09:27

Buongiorno , sono Nour della Società Cooperativa Santa Rosa di Parma . Noi non abbiamo prodotti biologici , ma seguiamo il disciplinare del Consorzio del prosciutto di Parma e siamo per una produzione etica . Risparmiamo energia elettrica usando l'aria esterna quando il clima lo permette e recuperando dove possiamo calore per produrre acqua calda . Non abbiamo inoltre linee di pre-affettato e quindi non inquiniamo con il packaging alimentare . Osservando il mondo moderno ci si accorge che sempre più spesso vengono vendute vaschette con prodotti pre-affettati , addirittura si è arrivati alla frutta già pelata sempre offerta in vaschetta . Noi non la pensiamo così . Noi offriamo la possibilità di prendere dei prodotti sottovuoto , in tranci , dove la plastica per l'imballo è minima e serve solo per conservare il pezzo fino all'apertura . I prodotti si possono tagliare sia con l'affettatrice che con il classico coltello da salume . Una volta aperto il prodotto per conservalo basta avvolgerlo in un canovaccio leggermente umido e riporlo in frigorifero . La formula del trancio serve sia per dividere il prosciutto tra amici e parenti , oppure per avere sempre a disposizione un pezzo di prosciutto nel frigorifero . Con questa formula si risparmiano minimo euro 20.- al Kilogrammo ( un prosciutto disossato è mediamente 8 kg x euro 20 = 160 euro risparmiati ) e si evita di inquinare il territorio con plastica e cellulosa per etichettare i prodotti . I prodotti che ci servono per le lavorazioni li prendiamo per la maggiore da aziende che sono nell'arco dei 30/40 chilometri da noi , questa scelta è stata fatta sopratutto per cercare di non impoverire il territorio e per fare si che le aziende locali continuino a dare posti di lavoro alle famiglie . Per noi l'etica è anche questa . Un saluto Nour

1Roberto Giannoccaro

03-11-2016, 23:03:33

Buonasera

mi presento mi chiamo Roberto e collaboro con una piccola azienda vinicola (Illica) di cui trovate la pagina in Eventhia.
Produciamo vini biologici con ottimo rapporto qualità/prezzo, unico ingrediente è la nostra uva raccolta da vigne di nostra proprietà. Tutte le fasi di produzione dei nostri vini sono seguite da Fabrizio e Paolo.
Abbiamo studiato un listino prezzi dedicato ai gasisti. Se mi contattate all'indirizzo mail robertogiannoccaro65@gmail.com vi posso inviare sia le schede tecniche che il listino prezzi.
Non perdete questa occasione vi posso garantire che il vino è ottimo.

Un caro saluto

Roberto

oppure per lasciare un commento